venerdì 20 settembre 2013

Luna Piena: Tutto il cinema coi Licantropi!

Il genere horror conta di svariati sottogeneri. C'è lo zombie-movie,il cannibal,la ghost story,lo slasher... ma sono proprio tanti. Spesso in ognuno di questi sottogeneri,c'è una promessa da mantenere. Nello slasher vuoi vedere il killer che "slasha" i teenager,nello zombie movie vuoi cadaveri in putrefazione che cercano di addentare i vivi, e così via.
Ma uno dei sottogeneri più particolare,è quello del cinema dei Lupi Mannari.
Chi ci crede,chi no,chi si và a leggere libri su libri,chi scopre il mito di Licaone,trasformato in lupo da Zeus,chi ancora cerca informazioni sulla malattia...ma il fatto è che in ogni civiltà ha la sua versione della leggenda.
Al cinema,chissenefrega,basta che vediamo un uomo trasformarsi in un mostro sanguinario tutto pelo e zanne.


No,davvero,non sò voi,ma quando vedo un film con un lupo mannaro nella trama,il momento che aspetto di più è quello della TRASFORMAZIONE.
Come saranno riusciti a darmi l'illusione di far cambiare un uomo in un lupo? è possibile?
Ed è questo l'argomento di questo post,una bella carrellata dagli anni 30 a oggi con tutti i lupi mannari CHE HO VISTO IO.
Quindi non ditemi "oh,hai saltato questo- ti sei perso per strada quest'altro",sono quelli che mi son venuti in mente a me.
Godiamoceli insieme,che non son pochi,rimanendo rigorosamente sulla strada,lontano dalla brughiera.

 1935 - "Il segreto del Tibet" titolo originale "Werewolf of London"
Con questo ciuffo ribelle,uno dei primi lupi mannari al cinema (ma non il primo).
Mhà,non mi dice molto,il film l'ho visto una volta sola,e mi è rimasto pochissimo in memoria.
Decisamente molto,ma MOLTO meglio LUI:


 Lon Chaney Jr. in L'uomo Lupo,ovvero "The Wolf Man" (1941). che seguiva il boom che aveva creato la Universal negli anni precedenti tra il Dracula con Bela Lugosi e il Frankenstein con Boris Karlof.
Cosa dire,erano tutti film bellissimi,che secondo me si lasciano guardare alla grande ancora oggi.
Le scene della trasformazione,ovviamente,erano semplicissime,in quanto si trattava semplicemente di dissolvenze,nel quale Chaney da normale,veniva filmato aggiungendo poco a poco il pelo,e il trucco,piazzandoci in mezzo le dissolvenze tra un inquadratura e un altra.
Se proprio dovessi scegliere un sequel,non ho riserve,e mi butterei proprio su "Frankenstein meets the Wolfman" (anche se si pestano solo 2 minuti. Alla fine. prima di esser travolti dall'acqua.)

Nel 1957 è la volta di "I was a teenage mutant ninja Werewolf.
 E nel caso ve lo stesse chiedendo, SI è il film che Richie stava guardando al cinema su "IT" prima che lanciasse pop corn e bibite ai cazzoni casinari al piano di sotto.
Tra parentesi,và detto che su IT (1990 di Tommy Lee Wallace,dal libro di Stephen King):
1) La prima volta mi sono cagato nelle mutande
2) Praticamente il look/make up è identico a quello del film del '57

Sig. Marsch??? Sig.Marsch!!!!
 Negli anni 50-60 invece,si era svegliata la Hammer,casa di produzione inglese,(del quale INSPIEGABILMENTE ho visto pochissimi film) si era messa in testa di rifare tutti i mostri Universal,ma a colori,con fotografie eccellenti e in generale,una qualità della madonna. E dopo aver sdoganato una marea di film di Dracula,incastrando Christopher Lee nel ruolo,e dopo aver fatto altrettanto con Frankenstein era la volta dell'uomo lupo. Che però si ritrovò solo con questo:
 Ovvero L'implacabile Condanna (1961),dove abbiamo un Oliver Reed alle prese con la maledizione dell'uomo lupo. Il film ricevette un botto di casini con la censura,ma anche con i tagli,toccava lo stesso temi parecchi scottanti. Dalla chiesa alla violenza sessuale. Senza contare che il personaggio di Reed,maledetto dalla luna,nasce nella notte del 25 Dicembre.
e il Look rimane comunque una figata assurda.
 Ok,questo è quasi uno scherzo: La lupa mannara (1976) di Rino di Silvestro.
L'ho visto una volta sola,e me lo ricordo più come un film che si concentra sui nudi della ragazza protagonista più che per altro.
Anche perchè il look del lupo è abbastanza ridicolo oltre,che bluastro? o me lo ricordo solo io?

Ciò non toglie,che,al solito,a Tarantino piace...
Ma poi,fortunatamente arriviamo al 1980.
Quando usci non uno,ma ben DUE capolavori del genere.
Ineguagliati. Mai superati.
Parlo di questi due:

Ma proprio cosucce,eh!
L'ululato,di Joe Dante e Un Lupo Mannaro Americano a Londra di John Landis.
Il film di Dante era tratto da un libro,e ne seguiva la trama più o meno fedelmente,con Dee Wallace (la mamma di E.t) che nei panni della giornalista Karen,perdeva la memoria dopo l'incontro con il serial killer Eddie Queist. La polizia gli spara alla testa,ma questo scappa dall'obitorio e segue Karen nel luogo dove si è ritirata a recuperare le forze.
Ecco gli effetti doveva curarli Rick Baker. Che però il budget de l'ululato era di un milione. Lo contattò John Landis per il SUO film di Licantropi,che invece aveva un budget di 10 milioni. E allora sai che c'è? "Ciao Joe,io vado dal Sig. Landis."
"E mi lasci cosi? Chi cazzo mi fà i lupi mannari?" (che nel film di Landis c'e nè uno,qui di più!)
"tranquillo Joe,ti mando il mio fedele assistente,il giovane Rob Bottin"
Ed ecco quindi che il povero Bottin,con 3 maschere,un costume intero,qualche arto staccato,e qualche scatola di preservativi (non scherzo) tira fuori una legione di Lupi Mannari.
 La scena della trasformazione sarà ONOREVOLE viste le condizioni di lavoro.
I lupi invece,con l'aspetto bipede cartoonesco possono non piacere. Io li trovo più che ok,a parte le orecchie un pò da coniglio.
E il film di Landis? Bhè quello ha avuto "leggermente" successo.
è un dannato capolavoro fatto di spaventi e ironia,miscelati alla grande.
E la trasformazione? INSUPERABILE.
 Rick Baker (che vi ricordo,ha curato di tutto,dagli alieni di Men in Black,al Professore Matto con Eddie Murphy) lavorò con tutto quello che la tecnologia gli permetteva all'epoca,lattice e motori termoidraulici. Che ci lavorò tipo un anno per la sequenza del muso che si allunga. Un anno per un ciak di un paio di secondi.
Che però,và detto,ci vinse L'OSCAR.
Bottin non vinse una cippa,però un anno dopo avrebbe fatto gli effettoni del filmone di Carpenter "La Cosa."

 Ma così non è giusto. Come competere con il film di Landis, che mostrava una trasformazione così "reale" da uomo a lupo?
Semplice,non competi. E non la mostri.
Wolfen (1981) è un film,mi sembra tedesco,che si concentra più sul psicologico.
E il lupo,è proprio un lupo. 
Non una bestiaccia venuta dall'inferno,ma un lupo addestrato (e incazzato). 

 Nel 1984,poi,arriva "in compagnia dei lupi" di Neil Jordan (vedi - Intervista col vampiro) Anche qui,il concetto è simile. Ma diverso. Nel senso che prova a raccontare una fiaba, (con Angela -Jessica Fletcher- Lansbury),concentrandosi appunto sui tratti da fiaba,che più sull'aspetto del licantropo.
Però la "scena della trasformazione" non manca,ed è a cura di Bob Keen (gli Efx di Hellraiser).
Nulla di speciale,specie quella lingua finta,che oggi fà sorridere,più che rabbrividire.
Però l'idea del muso del lupo che esce dalla bocca è GENIALE.



Nel 1985 esce AmmazzaVampiri,che come dice il titolo,è un film sui vampiri. Uno. Però parecchio stronzo.
A parte che questo film si merita un post tutto suo,se non una videorecensione come si deve,in quanto fà parte della mia infanzia ecc. ecc...
Il lupo mannaro dicevo.
Anche qui,come succede spesso nei film coi succhiasangue,è possibile vederne uno,e succede quando Evil Ed/Fiele dà la caccia a Peter Vincent.
è un lupacchiotto bianco tanto carino,e non assistiamo alla trasformazione iniziale,però dopo che s'impala da solo su un pezzo di legno,possiamo assistere alla trasformazione al contrario.
Fatta benissimo,tra l'altro.
E...si possiamo anche concederci una lacrimuccia.
 Nel 1985 esce anche L'ululato 2 di Philip Morra,che io vidi inconsapevolmente da piccolo su qualche rete tivù strana,eeee...mamma mia l'orrore.
 Anche quello era tratto da un libro,e doveva seguire le vicende di Karen dopo il primo film.
Ma il punto è che se ne stacca del tutto,e la butta sul trash,con un Christopher Lee visivamente imbarazzato,di esser finito in un film con una messainscena così di merda.
Di interessante,la figura del CAPO della SETTA dei Lupi Mannari,che è una donna,Sybil Danning,splendida femmina che non sò come è finita a fare gli Hercules di Luigi Cozzi con Lou HULK Ferrigno.
Anche qui,insomma,si tratta di un film bruttarello,ma che prendendolo come un trash può divertire.
Piccolo trivia: La Danning oggi è taaanto amica di Rob Zombie.
Così tanto che farà l'ultima vittima di Michael Myers bambino (l'infermiera che si becca una forchettata),e che finirà pure sul fake trailer di Grindhouse : Werewolf Women of the S.S. (un titolo che è tutto un programma).
Di carino e piacevole c'è che la Danning,ha regalato a Rob per il suo compleanno il dvd dell'Ululato 2,accompagnato dal poster col suo autografo.
"Tieni Rob,ti regalo Howling 2 in dvd."
"Grazie Sybil,non lo dimenticherò mai. Nel senso che col cazzo che ti lascio fare una parte nei miei prossimi film."


WerewROFTl women of the SS. Un titolo che dice tutto. Come potete vederlo? Sul tubo,perchè noi italiani siamo così pirla che abbiamo dovuto separare Grindhouse in 2 film per spendere più soldi,e perdere tutti i fake trailers.
Nella foto,Bill Moseley (lo scienziato pazzo con la gobba),Sheri Moon (moglie di Rob Zombie.... -.- ) Udo Kier (che è in milleduecentomillemila film) Sybil Danning e un lupachiotto non meglio identificato.

Il 1985 è anche l'anno di altri due filmetti abbastanza innocui per il genere,ma entrambi con due lupacchiotti.


Il primo è "Unico indizio la luna piena",dove il pazzo de La Casa Nera di Wes Craven e il tizio con la benda di Twin Peaks, si rivela un lupo mannaro (non è un grande spoiler,lo si capisce appena lo si vede che ha la faccia del killer...peccato che interpeta un prete!). E nonostante amazzi a destra e a manca non riesce ad uccidere Corey Haim...che interpreta un ragazzino su una sedia a rotelle. La sedia a rotelle di Batman,coi razzi,il nos e i fuochi d'artificio.
 Il Lupo alla fine si mostra poco,è curato dal nostro Carlo Rambaldi (Dio l'abbia in gloria) e uccide una delle vittime CON UNA MAZZA DA BASEBALL.

 L'altro film,è Voglia di Vincere,con un Micheal J. Fox,che era spremuto come un limone per la popolarità ricevuta da Ritorno al futuro di Zemeckics.
Il licantropo di questo film non và visto con occhi normali.
è più un licantropo metaforico,visto come un cambiamento degli adolescenti.
Micheal J. Fox (che badate,nel film viene sopranominato nel doppiaggio come Marty,sempre per il discorso back to the future)
è un signor nessuno a scuola,non ha successo con le donne,e fà schifo pure a basket. Ma da quando un pomeriggio diventa un uomo lupo, tutti lo adorano,le ragazze si eccitano,e le sue abilità col pallone si triplicano.
Insomma è una commedia per ragazzi,non aspettatevi di vedere Micheal J. Fox che stacca la testa a Biff,và preso per quello che è. 
Mi dicono che c'è anche un capitolo numero 2. Non l'ho visto ma non è che muoio dalla voglia.



  Ohhh poi nel 1987 c'è scuola di mostri. Un film che è rimane nella mia testa "I goonies+i mostri universal". Film divertentissimo,con stì mocciosetti alle prese con Dracula,Frankenstein,il mostro della laguna,la mummia e l'uomo lupo. Di figo c'erano tante cose,dalla voce di Alessandro Rossi per Dracula,alle citazioni a Jason Voorhees,fino agli splendidi effetti speciali,quelli visivi di Richard Edlund,ma quelli di make-up a cura di Stan Winston (che Dio abbia in gloria pure lui).
Un film che tutti i ragazzi di oggi dovrebbero rivedersi,ma che al solito non è possibile in quanto la distribuzione italiana non riesce a portarci il bel doppio divvudi americano della fox.
Ah piccolo trivia - il film è diretto da Fred Dekker (Robleahcop 3),scritto da Shane Black,e prodotto da Rob Cohen (Fast and furious,quando dirige. specie xXx,che non è un pornazzo)


"Dagli un calcio nelle palle! Dagli un calcio nelle palle!"
"è un lupo mannaro,non ha le palle!"
"tu daglielo!!!"

Del 1988 è il Sequel di ammazza vampiri,diretto da Tommy Lee Wallace...che anche qui ci piazza un lupacchiotto tanto maniaco-arrapato-livello-expert quanto simpatico. 
Non per nulla,a inizio film lo vediamo arrampicarsi su un muro,mica per uccidere,ma per spiare le ragazze di una confraternita che si fanno la doccia. 
E finisce con una figura di merda.

Ed è LO STESSO ATTORE (Jon Grise) che faceva l'uomo lupo su Scuola di Mostri
"Porco diavolo!!!!"

 Un altro film decisamente carino di quell'anno è Waxwork,di Anthony Hickcox (Hellraiser 3),che ci porta in un particolarissimo museo delle cere,con situazioni horror/Sci-Fi attentamente ricostruite...dove però se oltrepassi il cordone rosso,ti ritrovi nel "mondo" di quella ricostruzione.

Nel caso del lupo mannaro,il ragazzo protagonista finisce molto,molto male.
Però da manuale il licantropo che afferra una vittima per la testa e la apre in due,in un fiume di splatter.







Nel 1993 Anhtony Hickcox ci riprova,e se ne esce una cazzata un film dal titolo Full Eclipse- Eclisse letale.
Con Mario Van Peebles poliziotto che scopre che alcuni sbirri si iniettano una droga per farli diventare licantropi,fornendogli forza/abilità sovrumane per catturare ammazzare i "cattivi"

Ricordo solo le sparatorie con le pistole doppie alla John Woo con tanto di rallenty,la bionda Patsy Kensit che non era morta troppo bene su Arma Letale 2....e...questa roba qui di peluche alla fine:
Hello?













Insomma un film evitabilissimo.
Nel 1995 invece,la Columbia,dopo il Colpaccio di Dracula di Coppola,quello meno/così così di Frankenstein di Brahnagh,decise di chiudere tirando fuori il Wolf di Mike Nichos.
Il film,voleva essere una rivisitazione dell'uomo lupo,ma ha solo fatto addormentare il pubblico.


Il mostruoso (di bravura) Jack Nicholson è un editore,e il suo capo cerca di buttarlo fuori.
Lui ha paura di rimanere disoccupato,ma una sera rincasa,mette sotto un lupo-animatronic (di Rick Baker,quello di prima) che si finge morto e lo azzanna a tradimento.
Sorpresa-sorpresa Jack ha i sensi ultrasensibili,è più sicuro di sè,e riesce anche ad incastrare il suo capo,scopandosi pure la figlia (MICHELLE CATWOMANSOLAEUNICA PFEIFFER).
Di inconveniente c'è che di notte gli spuntano denti e basette e fà a pezzi i teppisti.
Alla fine fà incazzare il tizio di Stargate (James Spader)che dopo avergli ciullato la moglie diventa un licantropo pure lui perchè sennò la storia era troppo moscia,e alla fine si scannano tra loro. Il vincitore si porta a casa la Pfeiffer.
Musiche di Morricone,si,ma l'unico motivo per vedere stò film,al solito è Nicholson. Con un trucco semplice semplice,che però invece che ricordare il segreto del tibet...mi ricorda qualcun altro: WOLVERINE.


"Sono il migiore in quello che facco..."



Del 1996 invece è Bad Moon,film tratto da un libro dove vediamo il bimbo di Dennis la minaccia e il suo cane Thor di Asgard,difendere la mamma da suo fratello,diventato un lupo mannaro.
il film è bruttarello. La scena della trasformazione è orribile,fatta solo con la tecnica del morphing....ma il costume del licantropo in sè è splendido.















E sotto al costume,c'è Ken Kirzinger,il Jason Voorhees di 2 metri che si picchia con freddy in Freddy vs Jason 




 Ma se gli effetti in CG di Bad Moon mi hanno fatto accaponare la pelle,l'infarto era dietro l'angolo quando aprii l'almanacco della paura di Dylan Dog del 1997.
Fare un sequel di Un Lupo Mannaro americano a Londra,e chiamarlo Un lupo mannaro americano a Parigi era già una battaglia persa in partenza. Anche questo sarebbe da farci un confronto in un post più ampio.
Vi dico solo che ANCHE questo film miscela commedia orrenda americana con l'horror.
Ma ovviamente senza MAI raggiungere il film di Landis.
Non mi sento di stroncarlo del tutto,perchè un paio di scene sono divertenti.
Ma come sono gli scimmioni i lupi mannari?


TUTTI in CG.
L'ORRORE. QUELLO VERO.

Ma nel 2000 arriva qualcosa di carino.
Dal Canada infatti,il regista John Fawcett ci porta Licantropia,che vede due sorelle inseparabili, Ginger (Katherine Isabelle,Freddy Vs Jason) e Bridgitte Fitzgerald (Emily Perkins, It),che oltre ad essere due outsider sono anche tremendamente sociopatiche. 
Una sera però Ginger viene morsa da un licantropo,e pian piano,il suo corpo cambia,e parte tutta una metafora sul cambiamento da ragazza a donna,sulle mestruazioni,sulla responsabilità. Gran Bel film.
Nel 2004 Brett Sullivan dirige il sequel - Licantropia Apocalypse,e si concentra su Bridgitte,che finisce in una clinica per drogati,anche se la droga che prende lei gli serve per non diventare un mostro a quattro zampe che ulula alla luna. Il tema,stavolta,è la disintossicazione. Insomma,altro gran bel film (finale di merda apparte)
Sempre nel 2004 Grant Harvey dirige un prequel,con di nuovo le due sorelle a spasso per il Canada,tra indiani,e assedi vari. Coi licantropi,certo. Moscio.
A conti fatti,però tutta la trilogia merita la visione:

Ma come erano il lupi mannari? Ahia.
Allora nel primo film,che vi ricordo è un Low Budget (come tutta la trilogia,in effetti) il lupo si vede pochissimo e quasi solo alla fine,però non è in CG,è un pupazzone,e ha quest'aspetto orrendo:


Nel secondo e sul terzo invece,arriva il KNB (Robert Kurtzman,Greg Nicotero e Howard Berger),il miglior team di Efx che conosca (date un occhio sull'imdb e guardate la quantità di film che hanno collaborato).
E nonostante il basso budget,tirano fuori questo lupacchiotto che fà il verso a Landis:






Nel 2002,và citato,un piccolissimo film,anche questo a basso budget,nonchè il primo lungometraggio di Neil Marshall (The Descent,Doomsday),dove un gruppo di soldati si ritrovano in un mare di merd mezzo ai lupi mannari,che anche qui vogliono essere bipedi,e vagamente ispirati al primo Ululato di Joe Dante
Con tutto il bene che voglio a Neil Marshall,i limiti del low budget si vedono tutti,e i costumi ideati da Bob Keen,dovevano stare un pò meno nell'inquadratura,e meno illuminati.
Perchè con tutta stà luce come dicono i bambini "si vede che è finto"

Un caso completamente diverso invece,è per Underworld.
Iniziato come un film a basso budget,che poneva l'esile trama (vampiri contro licantropi....cosa mi ricorda?) sulle forme di Kate Beckinsale raccolte in una tuta di pelle che pure la Jovovich gli ha copiato nell'ultimo resident evil,è diventata una vera e propria saga,che conta finora di 4 film. (en sacco dessorrdi)
il primo troppo lungo,ma godibile,il secondo 90 minuti action,il terzo piace a tutti,ma a me stà sulle palle (e arriva in regia Patrick Tatopulos) e l'ultimo che è la sagra del pop corn movie. 
Ma stò post è sui Lupi mannari,quindi analizziamo i lupacchioti (ideati concettualmente da Tatopulos,e quindi tutti con que collo simil-godzilla-di-Roland Emmerich)


 E più o meno nella saga sono tutti come questi. Quasi sempre attori, imprigionati in tute impossibili,con i piedi finti,rialzati e a zampa di cane. Conclude un testone animatronico.
La computer graphic rientra solo in qualche movimento complesso (ma anche lì,nei limiti si opta per lo più di cavi e imbragature)
Insomma i film possono piacere oppure no,ma nulla toglie che si lasciano guardare,e che dal punto di vista dei Licantropi (che chiamano "Lycans") hanno provato a reinventarsi.
Un paio di "esemplari unici" che si vedono:
Nel secondo film,con questo Lupo Bianco Gigante,con una bocca smisurata,che m'è piaciuto.

Nel quarto film,con quest'orso  lupo gigante e basta. Che è decisamente troppo finto.

Ma passiamo oltre.



Del 2004 è quel film pieno di casini e slittamenti,diretto da Wes Craven e scritto da Kevin Williamson,che volendo ripetere il boom di Scream,mettono un cast di ggiovani (Christina Ricci,Joshua Jackson) in un film ultracitazionista col mannaro in gioco.
Insomma,così così,da vedere una volta e via.Com'è il Lupo? Eccolo:


L'unico film dove puoi vedere un Lupo Mannaro che fà il DITO MEDIO.
E nel costume c'è Derek Mears (il Jason Voorhees 2009)


 Molto diverso il caso di Van Helsing,dove Stephen Sommers (La Mummia) prende Wolverine,lo veste in maniera improponibile e lo spedisce a caccia dei mostri universal.
Frankenstein,l'uomo lupo e Dracula. (e mr.Hyde,vabbè)
Tutti e tre INGUARDABILI.
Cioè,il film è una baracconata tale,che probabilmente se lo fai a vedere un bambino nell'anno in cui usci ( 2004),poteva anche divertirsi.
Se invece lo fai vedere ad un bambino di oggi....quello ti dirà che nella sua playstation 3 ci sono creature che fanno più paura.


E io gli credo.
Ma l'italia niente niente? In verità,si anche noi abbiamo fatto diverse cose,ma l'unico che ho avuto modo di vedere (pure al cinema) e stato I tre volti del terrore dell'effettista Sergio Stivaletti. 3 Episodi,di cui nel primo,un bel lupacchiotto,con tanto di trasformazione che ricorda di brutto i due Demoni di Lamberto Bava (ma credo sia un autocitazione).Il costume ho anche avuto modo di vederlo da vicino,ad una mostra che il Sig. Stivaletti aveva allestito ad un Festival,e non c'è proprio nulla da dire,gli italiani sono ancora un popolo che ci sà fare SE VUOLE.
Il Mannaro s'incazza e vuole la gola di Claudio Simonetti.
 Nel 2007 un piccolo filmetto sconosciuto a basso budget pensato (credo) per l'home video,prova a dire la sua,SkinWalkers - La maledizione della prima luna rossa. Ci riesce? No.
C'è una lotta tra due fazioni di Licantropi,ma è piuttosto noiosetta. L'unico motivo per cui stà in questo post,è il make up (che si vede solo alla fine) delle creature. By Stan Winston studio.









 Un altro film che ha vissuto un inferno durante la produzione,è sicuramente Trick 'r Treat,del quale ho detto di tutto e di più nella mia videorecensione/Special di Halloween,e che vi linko quà senza tanti complimenti: http://www.youtube.com/watch?v=aWUI2iuXhq8
Un capolavoro di film a episodi,come non vedevo dai tempi di Creepshow,nel quale vediamo anhe una SPLENDIDA lupa mannara.

Ed è tutto "toccabile" con mano. Solo che poi la perdi.
 


Ma dopo un bel film ce ne vuole uno brutto,sennò diventiamo troppo ottimisti.
E allora vai con "Never Cry Werewolf",che suona come "non gridare al lupo mannaro",ma che da noi ha avuto il coraggio di uscire in videoteca (ed è già una cosa brutta) con il titolo "L'ora del Licantropo".
Praticamente è la stessa,IDENTICA,storia di AmmazzaVampiri. Solo con il lupo mannaro al posto del Vampiro. E con KEVIN "Hercules" SORBO al posto di Roddy "Peter Vincent" McDowell. 
Un trash da vedere una volta per fare due pernacchie su quel brutto mascherone.
Yolao dammi una mano!





E poi arriviamo quasi a oggi.
Nel 2009 arriva il remake dell'Uomo Lupo,altro film tanto sofferto durante la produzione,ma che alla fine ha visto la luce.
Diretto da quello di Jurassic Park 3 e Jumanjii (e già...) con Benicio del Toro nei panni del sig.Talbot,e Anthony Hopkins in quelli di suo padre.
Musiche di Danny Elfman ed effetti del premio oscar Rick Baker,famoso proprio per i lupi mannari.
Il film si guarda in tutte le sue 2 ore,e intrattiene alla grande. 
Ma il lupo mannaro?
Dopo tutto questo post,e tutti questi film,cos'ha inventato Rick Baker stavolta ?


 Una cippa. La trasformazione è quasi tutta in CG,e il make up, è un mix di tutte le tecniche di lattice,latticini e derivanti scoperti fino ad oggi.
Col cavolo che stava un anno a creare un motorino idraulico che allungasse una maschera di latex.

E più o meno è tutto.
Verissimo,ci sono tanti altri film di lupi mannari,belli e brutti, ma che ho voluto saltare,come Dark Wolf,altra maschera di halloween col pelo,ma sulla faccia di Kane Hodder.
O quel topone che c'è su Harry Potter e il prigioniero di Azbakan.
O quella roba gigante sul patto dei lupi.
O tutti quei sequel orrendi sull'ululato (Howling 3-4-5-6-7)
Ma per quelli che pensano che stò post non è abbstanza lungo,eccovi una veloce carellata di quelli che ho saltato:

Il principe delle Tenebre di Bram Stoker's Dracula di Francis Ford Coppola. Là sotto c'è Gary Oldman.
Ehm...scherzetto. Si quello è un lupo vero,quando non è un filmato della play station one.
Danny De Vito su Big Fish. Bhè? che volete? Era un Licantropo!
Micheal Jackson su Thriller. diretto da Landis,truccato da Baker. E,si mi sono cagato addosso pure qui.
Seth Green / Oz,sulla seconda (e ultima per me) stagione di Buffy L'ammazzavampiri.

Timothy Dalton nell'episodio "Werewolf Concerto" dei Racconti della Cripta

Ahhaahahhahaha scherzetto!
Chi ha avuto il fegato di leggersi tutto fino alla fine ha tutta la mia stima.

3 commenti:

  1. Molto ben fatto e piacevolissimo da leggere, complimenti reali e vivissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille a te per averlo letto.

      Elimina
    2. Carino, comunque secondo me the wolfman(2008) è carino come film ma preferisco van helsing

      Elimina